fbpx

Il trapianto di capelli bianchi

Uno dei più discussi miti sui capelli bianchi è che questi siano malsani o non forti. Questo spesso porta i pazienti interessati al trapianto con capelli bianchi a chiedersi se sia possibile effettuare un trapianto di capelli bianchi.

O se questi siano candidati per il trapianto o se, in futuro, cadranno più velocemente dei capelli non bianchi. Molti pazienti inoltre hanno capelli bianchi da giovani e chiedono al chirurgo di non prelevare durante il trapianto capelli bianchi.

In questo articolo si parlerà del trapianto di capelli bianchi e come questi siano candidati perfetti per il trapianto di capelli e portino ad un aspetto naturale.

Perché i capelli diventano bianchi? 

La comparsa di capelli bianchi, chiamata canizie o incanutimento, è un effetto normale dell’età. L’età di comparsa di capelli bianchi nell’uomo varia fortemente nella popolazione.

Solitamente nella popolazione caucasica i primi capelli bianchi compaiono intorno ai 34 anni mentre nella popolazione africana intorno ai 43 anni. La pigmentazione dei capelli è data da due tipi di melanina, l’eumelanina (che produce la pigmentazione nera-marrone) e la feomelanina (marrone-rossa).

La melanina viene prodotta da cellule chiamate melanociti. L’unione di questi due tipi di melanina e la quantità presente decide il colore del capello, dal nero al biondo. Per quanto riguarda i capelli bianchi le cause non sono certe.

Durante tutta la vita, durante la fase di anagen (la crescita del capello), il numero di melanociti si riduce. La fase di anagen si ripete ogni 2-7 anni. Con il passare degli anni e le varie fasi di anagen, il numero di melanociti si riduce fino a scomparire.

Questo porta all’ingrigimento dei capelli. Sebbene all’occhio nudo i capelli sembrino bianchi, in realtà i capelli sono giallo chiaro a causa della cheratina.

Solitamente l’ingrigimento inizia alle tempie per poi passare alle parti laterali, al vertex e al resto della testa negli anni. I capelli bianchi diventano più secchi a causa di una minore produzione di olio da parte di cellule che producono il sebo.1 2

I capelli bianchi sono malsani? 

Una credenza comune riguarda lo stato di salute dei capelli bianchi. Spesso si pensa che i capelli bianchi non siano sani e siano capelli malati. Per questo motivo si pensa che il trapianto di capelli bianchi non sia una buona opzione.

In realtà i capelli bianchi non sono altro che capelli che hanno perso il pigmento che li colore. Possono però apparire più doppi, duri e secchi a causa della minore produzione di sebo del capello bianco.

In realtà la crescita del capello bianco e la sua doppiezza sono maggiori rispetto ai capelli colorati. Essendo dunque capelli sani e in perfetta salute, il trapianto di capelli bianchi o il prelievo di alcuni capelli bianchi sono un’ottima possibilità per il paziente.1

 Il trapianto di capelli bianchi

Utilizzare capelli bianchi o il trapianto di capelli bianchi non si differenzia in alcun modo dal trapianto di capelli neri o castani. Infatti il trapianto di capelli bianchi ha la stessa possibilità di successo degli altri tipi di trapianti di capelli.

Spesso molti pazienti chiedono al medico di non prelevare capelli bianchi e selezionare solo i capelli che hanno ancora il loro pigmento. Questo non è possibile non solo poiché non è possibile selezionare uno ad uno i bulbi.

Si pensi inoltre ad un paziente brizzolato con un trapianto solo di capelli neri o castani. L’effetto sarebbe poco naturale e svelerebbe il trapianto di capelli. Durante il trapianto di capelli il medico sceglie le unità follicolari da prelevare in base al loro stato di salute.

Un dottore esperto saprà riconoscere un capello e un bulbo forti e sani. L’estrazione di unità follicolari forti e sane portano ad ottimi risultati nel trapianto di capelli. Qualora questi siano forti e sani verranno prelevati, senza considerare il loro colore. 

I capelli bianchi possono essere trapiantati? 

Nel trapianto i capelli bianchi sono degli ottimi candidati per il prelievo e l’inserimento. I capelli bianchi perdono solo il loro pigmento. Il ciclo di crescita rimane lo stesso. Per questo un capello bianco crescerà così come gli altri capelli impiantati.

Anzi, solitamente i capelli bianchi crescono anche più velocemente. Nel trapianto di capelli bianchi questi si comporteranno nello stesso modo dei capelli in cui è ancora presente il pigmento.

I capelli bianchi sono in ogni aspetto capelli sani. Proprio per questo motivo nel trapianto i capelli bianchi vengono utilizzati senza distinzione. Questo vale sia in pazienti brizzolati che in pazienti con i capelli completamente bianchi.  

È possibile evitare il trapianto di capelli bianchi? 

Spesso i pazienti chiedono al medico di non prelevare bulbi di capelli bianchi. Questa richiesta ha due principali motivi. Il primo è dato da motivi estetici: il paziente preferisce avere il numero minore possibili di capelli bianchi che svelano l’avanzare dell’età.

Il secondo è dato dalla credenza che i capelli bianchi non siano sani. In un trapianto i capelli bianchi non possono essere evitati. Il medico preleva tutte le unità follicolari sane senza fare alcuna distinzione. Il trapianto di capelli bianchi sarà comunque un successo.

La selezione e rimozione delle unità follicolari 

Durante il processo di selezione e rimozione delle unità follicolari, il medico sceglie tutte le unità follicolari sane presenti nella zona della nuca. In particolare, c’è una zona della nuca non soggetta ad alopecia androgenetica.

Questo significa che i capelli trapiantati non cadranno a causa dell’alopecia. Le unità follicolari sono un gruppo di bulbi, i pazienti presentano infatti gruppi da 1 o 2 o 3-4 unità follicolari, fino ad un massimo di 5.  Non è possibile nel trapianto evitare capelli bianchi.

Questo richiede che il medico selezioni uno ad uno i bulbi, evitando unità follicolari sane. Non solo richiederebbe un tempo infinito ma sarebbe una perdita di tempo.

Comunque, negli anni, i capelli diventeranno bianchi. Inoltre si ridurrebbe estremamente il numero di unità prelevabili. Questo ridurrebbe la densità e l’effetto finale.

Naturalezza 

Si pensi ad un paziente brizzolato che presenta calvizie. Si pensi poi ad un paziente dopo il trapianto di capelli con la parte laterale e posterior della testa brizzolata e la parte frontale e del vertex senza alcun capello bianco.

Ci sarebbe una netta divisione di colori. Questo svelerebbe il trapianto di capelli e risulterebbe estremamente innaturale. Il risultato di un trapianto di capelli dev’essere sempre naturale.

La naturalezza è data dal rendere identica la zona donatrice e la zona ricevente. Questo non svela in alcun modo il trapianto. Il paziente potrà dunque tenerlo segreto qualora lo desiderasse.

I capelli bianchi permettono successo nel trapianto in età avanzata? 

Un altro dubbio per i pazienti interessati al trapianto di capelli bianchi è l’età. Fino a che età è possibile sottoporsi al trapianto? Nel trapianto di capelli non ci sono limiti di età.

Un paziente sano e senza rischi dati da malattie può sottoporsi al trapianto di capelli anche ad 80 anni. Così come in pazienti più giovani verrà analizzata la storia medica, le cause della caduta dei capelli e la possibilità di raggiungere un buon risultato.

L’unica differenza tra un trapianto di capelli bianchi (completamente bianchi) e un trapianto di capelli bianchi ma brizzolati è la densità. Visivamente i capelli bianchi “riempiono” visivamente meno la zona trapiantata.

L’effetto potrebbe quindi risultare esteticamente, solo esteticamente, meno denso.

Si possono tingere i capelli bianchi dopo il trapianto? 

Qualora il paziente volesse non mostrare o rimediare all’effetto brizzolato del trapianto di capelli bianchi potrà tingere i capelli.

I capelli trapiantati una volta cresciuti e completato il processo di guarigione si comporteranno allo stesso modo dei capelli della nuca. Il paziente potrà dunque tingere senza problemi sia i capelli trapiantati che quelli presenti precedentemente.

Il capello trapiantato infatti può essere trattato come un normalissimo capello. Questo nel trapianto di capelli bianchi coprirà l’effetto brizzolato. L’unica cosa da considerare è quando tingerli. Il processo di guarigione nel trapianto di capelli è molto delicato.

Si consiglia dunque al paziente di aspettare almeno due o tre mesi mesi dal trapianto prima di utilizzare tinture per capelli. Gli acidi contenuti nelle tinte possono portare ad irritazioni, un rallentamento nel processo di guarigione o infezioni e diminuire la circolazione sanguigna.

1Kumar A.B., Shamim H, Nagaraju U., Premature Graying on Hair: Review with Updates, International Journal of Trichology, Vol 10(5), Pag 198, Settembre-Ottobre 2018 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6290285/

https://ishrs.org/2008/08/01/transplantation-of-graying-and-gray-hair/

https://it.wikipedia.org/wiki/Canizie

 

 

 

Pin It on Pinterest

Share This
WhatsApp WhatsApp