Tempi di ricrescita capelli dopo trapianto

Chiunque sia interessato al trapianto di capelli si interroga sui tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto; sebbene il numero di trapianti sia sempre maggiore, ci sono ancora miti da sfatare. Bisogna subito chiarire che il paziente non uscirà dalla clinica medica con una folta chioma. Al momento del trapianto di capelli i capelli verranno completamente rasati e si procederà con il prelievo e il trapianto delle unità follicolari. Quali sono i tempi ricrescita dei capelli dopo trapianto? Il processo di ricrescita inizia subito dopo il trapianto di capelli saranno necessari 12 mesi per i risultati completi. In questi 12 mesi si svolge il processo di guarigione e ricrescita. Il processo di shock loss non è un fallimento e la perdita di capelli durante questo periodo non implica che il capello non ricrescerà: semplicemente il corpo elimina il capello trapiantato in modo da permettere ad un nuovo capello più sano di crescere. L’inizio della crescita dei capelli si colloca tra la prima e la seconda settimana dopo il trapianto, ma varia da paziente a paziente, dal suo metabolismo e il suo stile di vita (dieta, assunzione di alcool o nicotina).

Il ciclo di ricrescita capelli trapiantati

Senza dubbio qualsiasi paziente che in passato si sia sottoposto a questa procedura potrà confermare che la parte più difficile è l’attesa della crescita dei tanto desiderati capelli. Per comprendere il processo e i tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto bisogna sapere come viene eseguito il trapianto di capelli. Al momento del trapianto viene inserito il follicolo del capello, cioè la sua radice, non un capello che rimarrà della stessa lunghezza per sempre. La ricrescita avverrà gradualmente nei mesi successivi alla procedura. C’è una netta distinzione da fare quando si parla di crescita: la crescita dei capelli nella zona donatrice e quella nella zona ricevente. I capelli prelevati dalla zona donatrice non cresceranno poiché viene prelevato il follicolo, la radice. I tempi ricrescita capelli dopo trapianto variano da paziente a paziente ma in linea generale si consiglia di aspettare 12 mesi per un risultato completo. Se il paziente è interessato solo dopo circa 12 mesi il chirurgo potrà valutare se sarà necessario un secondo trapianto o meno.

La zona ricevente: ricrescita dei capelli dopo il trapianto

Quando si parla di zona ricevente ci si riferisce all’area della testa affetta da calvizie in cui verranno impiantati i capelli. Ovviamente i capelli trapiantati cresceranno ma non bisogna pensare ad una crescita immediata e repentina. Spesso i pazienti, non notando nessuna crescita nei primi mesi, temono che il trapianto sia stato un fallimento. I pazienti che stanno per sottoporsi al trapianto spesso si interrogano su i tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto e sulle modalità di ricrescita. Bisogna pensare al capello trapiantato come ad un normale capello che è stato solo spostato da una zona dello scalpo all’altra. Dopo le prime fasi di crescita durante i primi mesi dopo il trapianto di capelli, i capelli del paziente tornano ad essere folti e spessi e si potrà tornare a trattare i capelli normalmente; si potrà notare il tanto atteso risultato del trapianto anche se molti chirughi consigliano di aspettare un anno per avere un risultato completo.

Tempi ricrescita capelli dopo trapianto:

  • Primi due mesi: il primo mese i capelli trapiantati sono in fase dormiente e si stanno adattando al nuovo posizionamento, questi inizieranno a crescere dopo il processo di shock loss, intorno al secondo mese;
  • Quattro mesi: si inizierà a notare sempre di più la crescita dei capelli anche se la crescita varia da paziente a paziente;
  • Sei mesi: a distanza di sei mesi dal trapianto la percentuale dei capelli visibili varia dal 45% al 80%;
  • Otto mesi: intorno agli otto mesi si torna ad avere una normale capigliatura, i capelli trapiantati sono ormai folti e doppi e la sindrome dei capelli ricci è ormai finita;
  • Dodici mesi: il processo di ricrescita dopo il trapianto è completo e si notano i veri risultati dopo il trapianto di capelli;

I capelli impiantati durante il primo mese

Quando si parla dei tempi di ricrescita capelli dopo il trapianto bisogna parlare delle varie fasi della ricrescita. Il primo mese dopo il trapianto di capelli è il momento più delicato che segue il trapianto di capelli. Il paziente deve prestare attenzione alla cute e ai follicoli trapiantati in modo da non causare infezioni o la caduta dei follicoli. Bisognerà prestare particolare attenzione a non toccare la cute e mantenerla pulita, disinfettata e idratata ed evitare in ogni modo traumi alla cute.

Durante il trapianto, i capelli vengono rasati ad una lunghezza di 1 o 2 mm e nel mese successivo non si noteranno grandi differenze nella crescita del capello. I capelli nella zona ricevente inizieranno a cadere a causa del processo di shock loss. Questo può scoraggiare il paziente che credeva di poter vedere i risultati dopo il trapianto di capelli già nelle prime settimane ma si tratta solo della prima fase del normale processo di ricrescita del capello.

Processo di shock loss

Durante il primo mese dopo il trapianto di capelli il paziente sarà soggetto al processo di shock loss, la caduta di capelli a causa del trauma del trapianto. Il processo di shock loss affligge la maggior parte dei pazienti che si sono sottoposti al trapianto e non deve essere, dunque, causa di timori. La caduta di capelli si presenta dalle due alle sei settimane successive al trapianto. Il termine shock si riferisce al trauma causato dall’inserimento delle unità follicolari nella cute. Il termine trauma non deve spaventare il paziente: il trauma arrecato al cuoio capelluto è minimo e momentaneo; nei mesi successivi i capelli torneranno a crescere naturalmente e il paziente noterà i primi risultati del trapianto. Sfortunatamente non c’è modo per rimediare al processo di shock loss ma è importante ricordare che i follicoli sono ben saldi nel cuoio capelluto e la crescita del capelli ricomincerà in pochi mesi. È per questo motivo che quando si parla di tempi ricrescita capelli dopo trapianto si specifica che la crescita non è immediatamente visibile.

I tempi di ricrescita dopo la caduta

Il processo di shock loss si presenta tra le due e le sei settimane dopo il trapianto di capelli. Una volta concluso questo processo, i capelli trapiantati inizieranno a ricrescere naturalmente.

I tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto e lo shock loss variano da paziente a paziente ma il processo inizia solitamente intorno al secondo o terzo mese. Durante questi primi mesi i capelli che ricrescono sono fini e sottili; in linea generale, i medici consigliano di aspettare 12 mesi per i veri risultati dopo il trapianto di capelli.

I capelli impiantati dopo due mesi

Nelle prime sei settimane successive alla procedura si potrebbe notare la perdita dei capelli trapiantati, chiamata shock loss. Solitamente intorno alla terza settimana solo il 10% dei capelli rimane nella zona precedentemente calva. Durante i primi due mesi la crescita dei capelli è minima e non particolarmente visibile; è importante non allarmarsi poiché questo è assolutamente normale. La ricrescita dei capelli dopo il trapianto avverrà nei mesi successivi.  Il capello sta seguendo il naturale processo di crescita ma, dopo solo due mesi e lo shock loss, è difficile vedere dei risultati sorprendenti sebbene si possa notare una lieve crescita del capello, spesso non omogenea tra tutti i capelli. A causa dello shock loss e di questa crescita irregolare i medici considerano 12 mesi come tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto per un risultato completo e definitivo. Dopo due mesi la zona del trapianto può essere trattata normalmente. I follicoli infatti sono saldi e la cute non presente più la sensibilità del primo mese. É bene essere pazienti e continuare a seguire tutti i consigli e le terapie del proprio medico.

I capelli impiantati dopo sei mesi dal trapianto di capelli

Sebbene i tempi di ricrescita del capello dopo il trapianto possono sembrare lunghi, dopo sei mesi dal trapianto di capelli il paziente potrà finalmente notare risultati visibili; la crescita è normalmente di circa 1 cm per mese e di solito questi capelli tendono ad essere fini e sottili nonostante siano stati presi da una parte della testa in cui ci sono capelli folti e doppi. Anche in questo caso non c’è da preoccuparsi, è una parte naturale della ricrescita del trapianto. In questo periodo è consigliata una maggiore attenzione al momento dello shampoo e dello styling, in modo da non spezzare i capelli appena nati.

La zona donatrice: ricrescita dei capelli dopo il trapianto

Quando ci si sottopone ad un trapianto di capelli ci si sottopone ad un autotrapianto; i capelli utilizzati provengono dallo stesso paziente e la zona donatrice dei capelli è solitamente la parte posteriore della testa. La scelta di questa zona non è casuale: i lati e la parte posteriore della testa hanno capelli più densi e sono geneticamente destinati a non cadere e non vengono colpiti dall’alopecia. Bisogna specificare che con il trapianto i capelli non ricrescono nella zona donatrice e non è quindi possibile parlare di tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto. Il motivo è semplice: nella prima fase dell’intervento, i follicoli dei capelli e le cellule circostanti vengono completamente rimosse dalla parte sottostante la superficie della pelle rendendone impossibile la ricrescita. Semplicemente, non c’è più la radice del capello che ne permette la crescita e quindi non è possibile parlare di ricrescita di capelli dopo il trapianto. Esteticamente questo non comporta problemi: dal momento in cui il chirurgo rimuove i follicoli dalla zona con la maggiore concentrazione di capelli e da differenti posizioni, i capelli circostanti (quelli che non vengono rimossi) copriranno completamente la parte da cui è stato effettuato il prelievo, rendendola invisibile.

Suggerimenti e consigli per la crescita del capello

I tempi di ricrescita dei capelli dopo il trapianto variano da paziente a paziente ma per assicurare una corretta crescita del capello trapiantato è importante seguire sempre i consigli del proprio medico e non affidarsi mai a consigli di altre persone o tecniche fai da te. Questo aiuterà fortemente la ricrescita dei capelli dopo il trapianto.

Consigli per la crescita

  • Evitare nei primi mesi dopo il trapianto traumi o colpi alla zona dove è stato effettuato il trapianto;
  • Seguire le terapie prescritte dal medico nel periodo postoperatorio;
  • Seguire i consigli del medico sulle tecniche di lavaggio e sull’uso di lozioni idratanti;
  • Una dieta equilibrata aiuterà il processo di guarigione e la crescita dei capelli;
  • Evitare nei primi mesi l’esposizione diretta ai raggi solari;
  • Evitare prodotti di styling aggressivi che possono danneggiare il capello e la sua crescita;
  • Massaggiare l’area ricevente con movimenti circolari per stimolare la crescita del capello a distanza di alcuni mesi dal trapianto;
  • Sottoporsi al trattamento PRP aiuta a rendere i follicoli più doppi e forti, aiutando quindi nella crescita del capello;
  • Evitare alcol e fumo riduce i tempi di guarigione e aiuta nella crescita del capello;
  • Sottoporsi a mesoterapia per aiutare la crescita del capello e il risultato finale;

Quando si parla di tempi ricrescita capelli dopo trapianto ci si riferisce a tutto il periodo di circa un anno che segue il trapianto di capelli e si indica questo periodo per poter notare il risultato completo del trapianto. Questo non significa che i capelli non saranno visibili già dopo alcuni mesi post trapianto di capelli.

Hwang S, Kim J C, Ryu H S, Cha Y C, Lee, S J; Na G Y, Kim D W, Does the Recipient Site Influence the Hair Growth Characteristics in Hair Transplantation?, Dermatologic Surgery. Vol 28(9), Pg 795, Settembre 2002

Avram M R, Finney R, Rogers N, Hair Transplantation Controversies, Vol 43(2), Pg 158, Novembre 2017

Vogel, J E, Hair Restoration Complications: An Approach to the Unnatural-Appearing Hair Transplant, Facial Plastic Surgery Hair Restoration. Vol 24(4), Pg 453, Novembre 2008

Avram M, Rogers N, Contemporary Hair Transplantation, Dermatologic Surgery, Vol 35(11), Pg 1705, November 2009

Pin It on Pinterest

Share This