Il cappello post trapianto di capelli: quale indossare?  

È possibile portare il cappello post trapianto di capelli? È questa una domanda molto frequente tra i pazienti che si sottopongono a questa operazione estetica. I pazienti di trapianto di capelli vogliono spesso nascondere il rossore e le crosticine ma anche proteggersi da fattori esterni come pioggia, neve e calore diretto. È per loro inoltre molto importante proteggersi da polvere e sporco. Pertanto, in seguito all’operazione sono molti i pazienti che vogliono portare il cappello.

In seguito al trapianto di capelli è importante che le zone operate (in particolare l’area ricevente) non subiscano alcun tipo di trauma e che non siano sempre coperte in modo tale da permettere all cuoio capelluto di rimarginare le piccole ferite createsi con l’apertura dei canali. Pertanto è importante rispettare alcune regole riguardanti l’uso del cappello post trapianto di capelli che il medico comunicherà al paziente in seguito all’operazione insieme a tutte le altre indicazioni riguardanti il comportamento e le attenzioni da usare durante il periodo di convalescenza.

Perché usare il cappello post trapianto di capelli? 

Il cappello aiuterà il paziente a proteggere l’area ricevente da alcuni fattori che potrebbero andare a danneggiare l’area ricevente come raggi solari diretti, polvere, smog, umidità, calore diretto etc. Proteggere la zona del trapianto di capelli dopo un mese è importante ed aiuterà ad ottenere risultati soddisfacenti. Inoltre molti pazienti scelgono di indossare il cappello post trapianto di capelli per coprire il rossore e le crosticine che si presentano in seguito all’intervento e durano qualche settimana. Indossare il capello post trapianto di capelli non è sconsigliato ma nel farlo vi sono tempi e modalità da rispettare per evitare di danneggiare il risultato dell’operazione. Occorre pertanto seguire sempre le indicazioni che il medico specialista darà a riguardo.

L’utilizzo del cappello post trapianto di capelli 

Usare il cappello post trapianto di capelli ha sicuramente dei gran vantaggi ma occorre avere attenzione ed usarlo seguendo alla lettera le indicazioni del medico. Usare il cappello subito dopo l’operazione potrebbe danneggiare le unità follicolari appena trapiantate e non permetterebbe alla cute di prendere area correttamente.

I primi tre giorni dal trapianto di capelli il paziente non deve indossare alcun tipo di capello. Dal terzo giorno può indossare un cappello fornito con il kit medico il giorno dell’operazione. Dal decimo giorno il paziente potrà cominciare ad indossare un cappello diverso da quello dato in dotazione dall’equipe medica ma con un tessuto leggero e che permetta alla pelle di respirare. 

I primi tre giorni 

Per i primi due giorni seguenti il trapianto di capelli il paziente non dovrà indossare alcun tipo di capello post trapianto di capelli. L’area donatrice deve essere lasciata all’aperto poché le graft non sono ancora ben salde nei canali e un qualsiasi tipo di urto o trauma potrebbe causarne la fuoriusita compromettendo il risultato del trapianto stesso. Dopo aver effettuato il lavaggio che andrà a prelevare pian piano di volta in volta le crosticine di sangue, il paziente potrà indossare dal terzo giorno solamente un capello particolare che troverà in dotazione nel kit medico che gli verrà fornito in ospedale o eventualmente il capello alla pescatora ma sempre di larghe dimensioni in modo che non stringa sull’area ricevente che è appena stata operata e quindi molto delicata. Grazie a questo cappello, infatti, proteggerà la zona neo trapiantata da urti, calore diretto, polvere e qualsiasi altro tipo di agente esterno che potrebbe andare a danneggiare le unità follicolari trapiantate.

Dal decimo giorno 

Dal decimo giorno successivo all’operazione sarà data al paziente la possibilità di indossare un cappello che sia diverso da quello dato in dotazione dall’equipe medica il giorno del trapianto. Questo cappello post trapianto di capelli dovrà essere però di un tessuto che non vada a far sudare la pelle e che non provochi irritazioni. Il capello post trapianto di capelli, pertanto, dal decimo giorno successivo l’intervento potrà essere un capello di cotone che non sia eccessivamente aderente o stretto (sono consigliati ad esempio i capelli con la visiera). Utilizzando un cappello che non sia troppo stretto, si andrà ad evitare che di strofinare il tessuto contro le unità follicolari da poco trapiantate e quindi non ancora stabili nei canali. Un colpo maldestro andrebbe infatti a provocare la fuoriuscita del capello dal canale e il risultato dell’operazione verrebbe irrimediabilmente compromesso. Dal decimo giorno pertanto sarà possibile utilizzare un cappello post trapianto di capelli ma solamente qualora corrisponda alla descrizione data dal medico curante e non deve comunque essere usato tutto il giorno: si deve cercare di lasciare l’area donatrice il più possibile all’area aperta sopratutto se ci si trova in un ambiente chiuso.

Dopo il primo mese 

Dopo il primo mese il paziente potrà ormai indossare qualsiasi tipo di cappello desideri. Le crosticine di sangue saranno infatti ormai totalmente cadute, la pelle nuova avrà preso il posto di quella vecchia e le unità follicolari saranno stabili nei canali e pertanto non correranno il rischio di fuoriuscire danneggiando il risultato del trapianto. Pertanto dal questo momento in poi non si correrà più il rischio di fuoriuscita dai canali dei capelli a causa di botte o sfregamenti e di conseguenza al paziente sarà possibile indossare il tipo di cappello del tessuto e della forma desiderata così come il casco da moto dandogli così la possibilità di fare un passo in più verso il ritorno alla vita di sempre che aveva prima dell’operazione.

Pin It on Pinterest

Share This